Kendrick Lamar: a giugno in Italia

Kendrick Lamar è il rapper, simbolo di una generazione. In pochi anni è riuscito a ridefinire il conscious rap, ad ampliare il pubblico dell’hip-hop e ad aprire la mente a molti appassionati di musica.

Il ritorno di Kendrick Lamar in Italia, dopo 9 anni dal suo concerto ai Magazzini Generali del 2013, è un forte segnale di ripresa anche del settore dello spettacolo.
La data del suo concerto è sicuramente da ricordare ed è considerata una delle più importanti dell'anno nel Bel Paese.
Un aspetto sicuramente importante riguarda la possibile ripresa dopo l’emergenza pandemica, che ha colpito tutti i settori in misure diverse, ma in particolare uno dei settori più colpiti è stato prorpio quello della musica e dello spettacolo. Tornare ai concerti è stato un argomento molto discusso, e sono stati anche gli stessi artisti a sostenere la causa, sottolineando l'importanza di tornare a fare musica e ad esibirsi dal vivo. Il mondo dello spettacolo infatti, è fondamentale dal punto di vista relazione e sociale, ma è anche un modo che concede molti posti di lavoro.
L'arrivo di Kendrick Lamar in Italia è quindi visto come un segnale forte ed un punto importante di ripartenza, anche perchè quella in Italia è la sua unica data annunciata al momento.

Oltre all'euforia per questa unica data, l'emozione esposa sui social può essere dovuta comunque anche alla lunga assenza del rapper nel paese.
L’ultima volta è stata per la promozione del suo Good Kid M.A.A.D. City, un lavoro composto di uno storytelling con continui cambi di flow, sperimentazioni con le metriche, voci pitchate e basi visionarie.


La sua carriera continua, a distanza di tre anni, con To Pimp A Butterfly.
In questo album Kendrick Lamar ha voluto esprimere le sue idee, i rimandi e le citazioni, rendendolo pieno di significato.
Anche la produzione è stata di impatto con nomi come Kamasi Washington, Thundercat, Terrace Martin e ancora Flying Lotus, Rapsody, Knxwledge., Dr. Dre, Pharrell Williams e Robert Glasper.
L'apice c'è stato con Damn, vincitore del premio pulitzer e con featuring da vera big star, come U2 e Rihanna.
La sua vita privata invece non fa così tanto scalpore e non attira l'attenzione, proprio perchè è custodita strettamente dal rapper, offrendo pochissimi gossip a riguardo.

 

Il suo stile musicale si ispira molto a Compton, essendo cresciuto nella Los Angeles del Gangsta rap, ed è però distante da Tupac e dalla musica della West Coast.
La sua caratteristica principale è quella di non mettere le strofe sulle basi, ma creare qualcosa di personale e irriproducibile. Questo lo rende unico e la sua identità è ben definita, motivo per cui è la sua musica a rendere riconoscibile e memorabile, non la sua persona.

Il concerto tanto atteso si terrà quest’estate, il 23 giugno all’Ippodromo di Milano.

Autore Guest

Autore Guest

Amo scrivere di musica.

Commenti (3)

wave

    Lascia un commento

    wave

    Clicca sulla freccia o premi ESC
    per chiudere la finestra